Menu Chiudi

FINANZA D’IMPRESA

Nessuna impresa può essere sana senza una corretta gestione delle performance e dei fabbisogni finanziari.
L’area Finanza supporta le imprese, i professionisti e i privati nella valutazione e gestione dei loro piani di investimento per la costituzione, la crescita, l’innovazione e lo sviluppo della propria iniziativa imprenditoriale.

Come lavoriamo

Il nostro team multidisciplinare di collaboratori interni:

  • Ascolta i progetti di sviluppo imprenditoriali e le nuove iniziative d’impresa,
  • Analizza e valuta i driver di crescita dell’iniziativa imprenditoriale,
  • Redige un piano finanziario di prefattibilità adeguato alle esigenze emerse,
  • Monitora tutte le misure agevolative e gli strumenti d’incentivazione a livello regionale, nazionale
    ed europeo,
  • Abbina i progetti imprenditoriali agli strumenti agevolativi tramite modelli di ingegneria finanziaria,
  • Offre un ventaglio di soluzioni e alternative su misura per la specifica iniziativa imprenditoriale,
  • Coinvolge e coordina tutte le professionalità necessarie ai fini della realizzazione dell’iniziativa,
  • Gestisce tutto l’iter contrattuale, modulistica e formale per conto dell’imprenditore
  • Si impegna per la riuscita del progetto e per il conseguimento del risultato per il cliente.

AGEVOLATA

La Regione Puglia incentiva sia le startup che le imprese già operative nell’avvio di nuovi investimenti all’interno del territorio regionale.

Lo strumento sostiene gli imprenditori nell’acquisto di macchinari e impianti, nella realizzazione di opere murarie e nella progettazione dei nuovi investimenti.

Lo strumento agevolativo permette di coprire con un fondo perduto fino al 30% le spese di investimento ammissibili.

Il team di Staff Network ti supporta nella gestione dell’intero iter burocratico per l’ottenimento delle agevolazioni previste ed eventualmente nell’accumulo di altre.

Le imprese del settore turistico-alberghiero che hanno intenzione di investire in Puglia, sono agevolate tramite uno strumento regionale che riconosce fino al 20% delle spese d’investimento sotto forma di contributo a fondo perduto.

Staff Network effettua la verifica dettagliata e approfondita di tutti i requisiti in capo all’impresa e al progetto e segue tutto l’iter burocratico per la realizzazione del piano d’investimento.

La Regione Puglia agevola l’autoimpiego di persone con difficoltà di accesso al mondo del lavoro: se sei un giovane, una donna, un disoccupato o un titolare di partita IVA che ha fatturato meno di 30.000€ nell’ultimo anno e hai intenzione di avviare una nuova impresa in Puglia, la Regione ti riconosce un contributo a fondo perduto fino al 50% delle spese d’investimento ammissibili.

Tramite uno studio di prefattibilità e un’analisi dettagliata delle esigenze di business, il team di Staff Network ti supporta nella realizzazione della tua nuova iniziativa imprenditoriale e ti accompagna anche nella fase di scale-up e sviluppo del progetto.

Esiste uno strumento agevolativo regionale che permette ai giovani startupper innovativi di ottenere le risorse per l’avvio e lo sviluppo di imprese ad alto valore tecnologico.
Lo strumento non solo ti aiuta a coprire parte delle spese di investimento, ma anche parte delle spese di funzionamento per l’avvio dell’attività. L’agevolazione comprende fino a 350.000€ tra spese d’investimento e di gestione e prevede una sovvenzione a fondo perduto che può arrivare a coprire fino al 40% del totale degli investimenti ammissibili.
Il team Staff Network ti affianca nell’analisi dell’idea progettuale, nella stesura del piano d’investimento e nella compilazione della modulistica necessaria, nonché nella fase di scale-up e sviluppo dell’iniziativa.

Lo Stato mette a disposizione uno strumento a favore dei giovani under 46 residenti al Sud per avviare nuove iniziative d’impresa nel Meridione. Lo strumento agevola il 100% degli investimenti necessari per ristrutturazioni, acquisto impianti e macchinari e spese di gestione tramite un contributo a fondo perduto del 35% e un finanziamento a tasso zero per la restante parte.

L’ammontare massimo dell’incentivo è 200.000€ per le società e 50.000€ per ogni singolo soggetto.

Il team Staff Network ti affianca dalla fase di pianificazione e programmazione delle attività alla fase di inoltro della domanda e ottenimento delle risorse, nonché nella fase di scale-up e sviluppo dell’iniziativa.

La Regione Puglia aiuta gli imprenditori locali nell’ottenimento delle risorse necessarie per l’efficientamento energetico della propria impresa. Lo strumento regionale agevola le spese sostenute per interventi di efficientamento energetico, cogenerazione ad alto rendimento e produzione di energia da fonti rinnovabili.

Le agevolazioni ammontano al 100% delle spese ammissibili sotto forma di contributo a fondo perduto (40%), mutuo a tasso zero a carico della Regione (30%) e mutuo a tasso di mercato a carico della banca (30%).

Staff Network, oltre alle competenze interne necessarie per la pianificazione finanziaria, l’assetto giuridico e la programmazione aziendale, si avvale di un network di professionisti anche nel campo dell’energia. Grazie all’approccio multidisciplinare, Staff Network offre ai propri clienti un affiancamento a 360° nella realizzazione del loro progetto d’investimento.

L’avviso della Regione Puglia prevede aiuti concreti alle PMI residenti nel territorio regionale che intendano realizzare un programma per l’internazionalizzazione del proprio business.

Gli investimenti ammissibili devono essere funzionali al potenziamento della competitività dell’offerta aziendale all’estero (brevetti, partnership, studi di fattibilità…), nonché finalizzati ad attività di marketing internazionale per garantire il presidio stabile dell’impresa nei mercati esteri (partecipazione a fiere, attività di promozione e comunicazione).

BANCARIA

Analisi di fattibilità che fornisce all’imprenditore una base di dati di natura economico-aziendale, sui quali tracciare le linee guida per la realizzazione di un investimento al fine di raggiungere gli obiettivi prefissati.

Si concretizza in un documento strutturato che descrive:
l’oggetto del progetto imprenditoriale, che sia esso un prodotto da realizzare o commercializzare o un servizio da erogare, e le sue principali caratteristiche tecnico-funzionali;
– il mercato target a cui il prodotto/servizio si rivolge e i competitor diretti e indiretti dell’impresa;
– le scelte strategiche da perseguire.

Insieme delle decisioni di lungo periodo e delle azioni che l’impresa attua nella scelta delle forme di finanziamento, in conformità alla missione aziendale, tenendo conto delle risorse finanziarie disponibili al suo interno e delle opportunità offerte dal mercato finanziario.

Le strategie finanziarie, pur avendo come finalità principale la gestione ottimale delle risorse finanziarie, riguardano sempre più l’assunzione di decisioni che coinvolgono l’intero sistema aziendale.

Insieme degli atti di previsione relativi a un futuro bilancio redatti in via preventiva e ipotetica, al fine di conseguire un determinato risultato aziendale.

Consentono di valutare l’economicità e la redditività di un’iniziativa di business e di determinare, in funzione di ipotesi preventivamente definite, il tempo di rientro del capitale investito nel caso di un investimento.

Assistenza nel reperimento delle risorse finanziarie che sopperiscano all’esigenza dell’individuo di:

  • Realizzare investimenti personali in beni immobili (acquisto un’abitazione);
  • Avere liquidità per realizzare la ristrutturazione di un immobile;
  • Sostituire o surrogare un finanziamento in corso.

Operazione che consiste nel finanziamento totale o parziale di un’opera pubblica con capitali privati, che verranno rimborsati e remunerati con l’esercizio dell’opera stessa (ad esempio un’autostrada) mediante la concessione per un certo numero di anni dei servizi a pagamento previsti dal progetto.

GARANZIE DEL CREDITO

Lo Stato sostiene la liquidità delle imprese concedendo la garanzia sui prestiti a PMI e professionisti nelle seguenti modalità:

  • Finanziamenti fino a 30.000€ garantiti al 100%. Il periodo di preammortamento è di 24 mesi (quindi si inizia a restituire il prestito dopo due anni da quando è stato ottenuto) e l’arco temporale di restituzione è 10 anni;
  • I prestiti superiori, fino a 800 mila euro, con garanzia pubblica fino all’80% e quella di Confidi per arrivare al 100%, potranno essere restituiti in 30 anni e sono concessi a PMI con ricavi fino a 3,2 milioni di euro. L’importo del prestito è il 25% del fatturato oppure il doppio della spesa salariale annua;
  • La garanzia al 100% è concessa anche per prestiti a PMI con fatturato fino a 800.000€, ma fino al 15% del fatturato (quindi massimo 120.000€).

Per velocizzare le procedure di finanziamento con garanzia pubblica alle aziende in difficoltà, l’istruttoria della banca viene sostituita da un’autocertificazione da parte delle imprese, estesa anche per importi oltre 30 mila euro.

Inoltre, è previsto che la garanzia di Stato possa essere concessa anche a imprenditori che, in passato, abbiano avuto problemi con il pagamento dei mutui.

L’attivazione di un prestito accompagnato dalla garanzia pubblica determina per il beneficiario anche la sospensione delle segnalazioni alla Centrale rischi fino al 30 settembre.

Il Fondo di Garanzia di Mediocredito Centrale è rivolto a micropiccole e medie Imprese, e professionisti appartenenti a qualsiasi settore con la sola esclusione delle attività finanziarie.

Il Fondo garantisce tutte le operazioni finanziarie direttamente finalizzate all’attività d’impresa concesse da un soggetto finanziatore (banca o altro intermediario finanziario).

La garanzia copre fino ad un massimo dell’80% dell’importo dell’operazione finanziaria e fino ad un importo massimo garantito per beneficiario di 2,5 milioni di euro.

Il Fondo può intervenire

  • sia garantendo direttamente l’operazione finanziaria (Garanzia Diretta)
  • sia controgarantendo/riassicurando un soggetto garante (confidi o altro intermediario finanziario) che garantisce l’operazione in prima istanza (Controgaranzia/Riassicurazione).

I beneficiari devono essere in possesso dei requisiti oggettivi e soggettivi previsti dalle Disposizioni Operative.